Università di Udine, bufera sui finanziamenti. Fermeglia alza la voce

Il caso è scoppiato a seguito della richiesta da parte dell’Università di Udine di 1,5 milioni di euro per finanziare il corso di laurea triennale in Banca e Finanza, come rimpiazzo per il corso di Economia che si estinguerà a causa della mancanza di personale docente nella sede di Pordenone. La proposta è nata grazie alla collaborazione del Consorzio per l’Università (una cordata di banche, comuni ed altri enti pubblici) che ha deciso di aumentare la propria quota fino a 700 mila euro così da mantenere un corso triennale in Economia per il territorio del pordenonese. Sembrerebbe una storia a lieto fine. Il problema è che a seguito della legge Gelmini, ogni nuovo corso intrapreso deve durare per almeno 15 anni…questo vorrebbe dire spendere 1,5 milioni all’anno per pagare 20 docenti.

il rettore dell’università di Trieste Fermeglia, in questi giorni in aperta polemica sui finanziamenti destinati a Pordenone.

È stato a questo punto che sulla vicenda è intervenuto a gamba tesa il rettore dell’Università di Trieste. Il numero uno di Units ha accusato i vertici della provincia di Pordenone e dell’Università di Udine di voler spaccare il tanto faticosamente raggiunto sistema universitario regionale, mandando all’aria anni di lavoro con il tentativo di costruire un polo Udine-Pordenone in contrapposizione a quello triestino. Il rettore Fermeglia ha sottolineato come questo sia un periodo di difficoltà e di calo dell’offerta formativa per tutti gli atenei e non sia quindi giusto aiutare una parte sola mentre l’altra effettua tagli dolorosissimi. “Se 1,5 milioni partiranno per Pordenone spetterà la stessa cifra anche a Trieste” questo l’ultimatum, mentre si minaccia l’interruzione delle collaborazioni con la sede di Udine e una nuova spaccatura del sistema universitario regionale.

Fermeglia si è detto felice che finalmente la regione investa sull’assunzione di nuovi docenti, cosa che non era mai accaduta, e ancor più lieto che un finanziamento così ingente si riversi sull’ateneo udinese. Con una sferzata polemica però ricorda come non si sia mai potuto dare un euro a Trieste senza che Udine pretendesse immediatamente di ricevere la stessa cifra. Spera quindi che oggi l’erogazione avverrà per entrambe, anche se dubita che sarà così, nonostante i due territori vivano le stesse difficoltà, tanto nelle sedi centrali quanto in quelle staccate dei propri atenei. Il caso scoppiato in questi giorni dovrà risolversi entro il 31 gennaio, termine ultimo per la avviare nuovi corsi.

Commenti Facebook
By | 2014-01-27T12:26:24+00:00 27/01/2014|Categories: Università|Tags: , , , |0 Comments

About the Author:

Matteo Macuglia
Ho ventun’anni e mi sto laureando in Scienze Politiche e dell’Amministrazione. Ho una grande passione per la fotografia e per l’attualità politica e sogno di diventare un giornalista.