Vettel, il mondiale è vicino

Foto da: http://wikipedia.org

Alonso, per lui l’ennesimo secondo posto

Il dialogo radio ascoltato nelle qualifiche del Gp di Monza (ndr “Siete proprio dei scemi/geni, mamma mia ragazzi” ) è sintomatico del brutto momento che sta attraversando la scuderia di Maranello, chiamata al riscatto sul circuito di casa. A sorridere alla vigilia della gara, ancora una volta, è il tedeschino Sebastian Vettel, autore di un 1’23”755 che ha lasciato senza speranza i diretti rivali per la pole, l’ennesima stagionale. In seconda posizione Mark Webber, a conferma dello strapotere del team di Chris Horner, mentre terzo si è classificato Nico Hulkenberg, il cui nome è stato accostato a quello del Cavallino nel prossimo mercato piloti. Le due Ferrari hanno ottenuto la quarta e la quinta posizione, rispettivamente con Felipe Massa e Fernando Alonso.

Sovvertire i favori del pronostico non è facile, ma in gara la Ferrari di Alonso parte subito bene, anche se la vera sorpresa è Felipe Massa, che conquista immediatamente la seconda posizione alle spalle del leader della corsa Vettel. Come di consueto, il tre volte campione del mondo riesce ad imprimere il suo ritmo alla gara, portando il proprio vantaggio a cinque secondi dal brasiliano dopo poche tornate. Successivamente Alonso sorpassa con facilità il suo compagno di squadra per mettersi alla caccia di Vettel. La Red Bull subisce un consumo maggiore delle gomme ed è costretta ad una sosta anticipata ai box, mentre la monoposto di Alonso continua l’inseguimento. Al rientro in pista, il leader della classifica mondiale riprende a macinare giri veloci, che gli permettono di accumulare un vantaggio superiore ai dieci secondi. Nel finale, l’usura degli pneumatici potrebbe rivoluzionare la graduatoria, ma l’ottima gestione di Vettel e della scuderia Red Bull spazzano via le velleità dello spagnolo.

Il campioncino della scuderia austriaca stravince in Italia e allunga a +53 sulla guida numero uno della Ferrari, dimostrando una grande maturità e un approccio da “cannibale”. Per Alonso e Massa una buona gara, ma il mezzo tecnico in loro possesso non è ancora competitivo, almeno per il massimo gradino del podio. Gli uomini di Maranello avranno a disposizione due settimane prima di volare a Singapore, dove l’anno scorso il pilota asturiano arrivò terzo, alle spalle di Vettel e Button. Un segnale poco incoraggiante per Domenicali e Co.

Ecco la top ten del Gran Premio d’Italia: Vettel, Alonso, Webber, Massa, Hulkenberg, Rosberg, Ricciardo, Grosjean, Hamilton, Button.

Foto da: http://wikipedia.orghttp://wikipedia.org

Commenti Facebook
By | 2017-05-21T12:12:30+00:00 08/09/2013|Categories: Sport|Tags: , , , , , , |0 Comments

About the Author:

Studente di Scienze della comunicazione, 24 anni, preparatore dei portieri del San Vito al Torre e istruttore di scuola calcio CONI FIGC. Ho un passato da articolista e editorialista per TuttoUdinese.it. Ritengo che lo sport sia fatto di passioni e emozioni che vale sempre la pena raccontare.