Vittoria dell'Acegas sulla Liomatic Perugia

L’Acegas chiama e il pubblico risponde, il pubblico chiede una vittoria e l’Acegas vince contro la Liomatic Perugia 67-63 che porta i biancorossi a dominare il girone approfittando della sconfitta di Trento contro il Pavia.

Una partita non bella da vedere con Carra che si storge una caviglia dopo appena 6′ di gioco e con Ruzzier che commette numerosi falli per tutto l’incontro. Coach Dalmasson sa che deve vincere e parte con Carra, Zaccariello, Moruzzi, Gandini e Maganza mantre Perugia risponde con Caroldi, Truccolo, Poltroneri, Bonamente e Baldi Rossi.

L’avvio di aprtita è favorevole a Perugia che va subito in vantaggio di 5 punti sul 3-8 e sul 5-10, Trieste reagisce subito e sul 6-1 riporta la situazione in parità sugli 11 punti. Ma il tempo sembra sempre essere favorevoli agli avversari che alla sirena chiudono sul 13-22.

Coah Dalmasson dà una svegliata ai padroni di casa che nel secondo tempo e si avvicinano a -4 (20-24) ma la Liomatic infila un altro +8 scatenando la reazione di Moruzzi e Ferraro che riportano la situazione in parità sul 30 a 30. Un secondo tempo di parità, senza troppo sbavature che porta le squadre nella pausa lunga sul 33 a 33.

Anche la terza frazione di gioco si avvia con una situazione di equilibrio fino al 42-44 in favore di Perugia che risveglia Scutiero che con un parziale di 6-0 riporta la squadra in vantaggio sul finale di tempo (48-44).

Nell’ultimo quarto gli ospiti trovano il pareggio (48-48) ma con due triple di Zaccariello e Scutiero, Trieste trova il vantaggio per 54 a 48. Perugia cerca di riavvicinarsi ai nostri (56-54) ma i bianco-rossi reagiscono con un break di 9-1, una bomba di Zaccariello e il risultato vola sul 65 a 55 ma Perugia non sembra mollare l’incontro e totalizza 8 punti di fila facendo tremare i padroni di casa. Trieste torna all’attacco e con due liberi a segno di Zaccariello e Scutiero chiude il match sul 67 a 63.

“Oggi abbiamo giocato contro una squadra forte, che veniva da una serie di vittorie e che ha dimostrato di essere in buona salute. Da parte nostra siamo stati bravi a fare le cose giuste nei momenti decisivi, pur con grande fatica. Abbiamo commesso molti errori, – commenta coach Dalmasson a fine incontro –  subito tante penetrazioni e concesso troppi tiri liberi. E’ stata comunque una partita vera, di grande intensità, che non saremmo stati in grado di vincere se non avessimo messo il cuore nelle fasi decisive”.

Perla Del Sole

 

Commenti Facebook
By | 2017-05-21T12:38:58+00:00 23/03/2012|Categories: Sport|Tags: , |0 Comments

About the Author:

Perla Del Sole
Ventisette anni, laureata in Scienze della Comunicazione, frequento un Master in Lingua, Letteratura e Arte a Lugano. Giornalista pubblicista vivo per i tuffi, il basket e tutte le emozioni che il mondo dello sport è in grado di regalarci.