Youtube lancia i canali a pagamento. Ecco quali sono

Sono 54 e destinati a pubblico di tutti i tipi.

In quest’epoca 2.0 tutto si evolve, anche Youtube. Così dopo l’inserimento delle tanto odiate pubblicità ad inizio filmato ecco comparire dei canali a pagamento. Ebbene sì, la piattaforma di Google ha lanciato 54 canali tematici, fruibili solo con abbonamenti mensili o annuali, che cambieranno il modo di condividere i video sulla Rete. Alcuni dedicati ai bambini, altri alle commedie o ai bei tempi andati, non mancano poi canali per gli sportivi o quelli sui film.

Le tariffe partono da un minimo di 0,99 dollari al mese, e variano a seconda dei canali, con la possibilità di sconti nel caso di abbonamenti annuali. Per decidere avrete due settimane di fruizione gratuita e potrete poi scegliere se e a quali canali iscrivervi. Al momento l’iscrizione è possibile solo tramite un computer tradizionale, ma i canali sono visibili da pc, tablet, telefono e tv. Altro limite è il fatto che il servizio sia accessibile solo dagli Stati Uniti, anche se dalle prossime settimane l’offerta dovrebbe estendersi oltre i confini americani. Che fine faranno i soldi? Da Google fanno sapere che ricavi degli abbonamenti andranno per più del 50% ai proprietari dei canali, mentre il resto rimarrà a YouTube. Questo andrà non solo a generare nuove entrate per i creatori di contenuti, ma anche di migliorare la qualità delle proposte.

Commenti Facebook
By | 2013-05-17T09:43:09+00:00 17/05/2013|Categories: Mondo, Tecnologie|Tags: , |0 Comments

About the Author:

Chiara Zanchetta
In testa un uragano di idee, in tasca due lauree in Comunicazione. Nella vita? Chi lo sa