Zucchero porta a Tarvisio la sua musica tra classici e novità

Tra rivisitazioni in chiave latina e classici storici la piazza di Tarvisio non si è risparmiata le danze.

La pioggia non è riuscita a rovinare la prima tappa friulana del tour di Zucchero, quella che si è svolta ieri in piazza Unità a Tarvisio, dando tregua per tutta la durata del concerto. Un duo, quello tra Zucchero e la Sesion Cubana, che ha rivisitato in chiave latina decenni di repertorio. L’inizio è stato all’insegna della musica latina, con canzoni come “Nena” e “Un kilo” passando per “Cuba libre” fino al tormentone “Guantanamera”.

Spettacolo apprezzato anche dai fan storici grazie all’alternanza tra musiche allegre a melodie più dolci, che hanno riportato sul palco il vecchio stile di Fornaciari con ballate come “Indaco dagli occhi del cielo”. Grande il coinvolgimento del pubblico, che non si è risparmiato le danze, animandosi con l’energia che il cantante riesce a trasmettere. Brividi e pelle d’oca ad un’ora dall’inizio, quando nell’aria si diffonde l’intro di una delle canzoni forse più belle della discografia di Zucchero. Si trattava di “Diamante”, ad aprire il ritorno alle canzoni che hanno segnato la sua storia, mantenendo l’adattamento originale e lasciando poco spazio al ritmo latino, come con le altre “Overdose d’amore”, “Come il sole all’improvviso” rivista in lingua inglese, e molte altre. Nel finale una nuova esplosione di energia nella Piazza di Tarvisio, con “La bamba” ad introdurre l’irrinunciabile “Per colpa di chi”.

Non sono mancati, nel corso della serata, momenti intensi, come la dedica fatta a Nelson Mandela, con il canto di un’Ave maria in stile brasiliano definita da zucchero “la preghiera delle favelas”, e quella ai terremotati con la canzone “Il suono della domenica”, scritta in memoria del suo paese, l’Emilia. Uno zucchero insomma in grado di trasmettere emozioni di ogni genere ad un pubblico che ricorderà sempre questo memorabile evento.

Commenti Facebook
By | 2013-07-20T15:40:05+00:00 20/07/2013|Categories: Cultura e spettacoli, Musica|Tags: , , |0 Comments

About the Author:

Chiara Zanchetta
In testa un uragano di idee, in tasca due lauree in Comunicazione. Nella vita? Chi lo sa